11 Mar '16

Marina

Scrittrice, giornalista e blogger si dedica alla scrittura di articoli, post, racconti e romanzi, ma organizza anche corsi per imparare a scrivere sul web. Nel blog personale articoli e post utili ai blogger e non solo.

0 Shares

Il ragno: quando la paura si chiama Aracnofobia

Video del Giorno
il ragno

il ragno

Il ragno è uno di quei piccoli insetti che fa paura e crea sensazioni ed emozioni spiacevoli come la paura. Questa patologia prende in nome di aracnofobia.

Cos’è l’Aracnofobia

L’Aracnofobia è la paura irrazionale dei ragni. La parola deriva dal greco ed è formata da “aracno” cioè ragno e fobia.

Può essere una patologia leggera, nel qual cosa da poco fastidio e ci si può convivere, ma può anche diventare una vera e propria repulsione che porta a vivere male anche solo l’idea della presenza di un ragno.

Il ragno può portare con sé anche attacchi di panico che fanno letteralmente perdere il controllo e ansietà.

Il ragno

In sè, e per quanto riguarda le specie che possiamo trovare nelle nostre case, il ragno non è pericoloso. Se poi consideri che in un attimo te ne puoi sbarazzare schiacciandolo con una scarpa, un giornale o altro dovresti riuscire a dare un connotato diverso alla situazione.

Ma si sa, la paura non è quasi mai razionale. Certo, ci sono momenti in cui la paura è vera e legittima, ma se blocca e impedisce di agire diventa qualcosa di negativo che mette nella condizione di non riuscire a difendersi o ribellarsi.

Come affrontare il ragno e attenuare l’Aracnofobia

Tutto ciò che non ci piace, di cui abbiamo un’incondizionata paura, che ci causa sensazioni negative, andrebbe affrontato gradualmente, ma pur sempre affrontato.

Hai presente quando ci si lamenta dei bambini piccoli perchè hanno paura del buio? In genere gli adulti non solo minimizzano, ma pretendono anche che l’affrontino.

Perchè ce lo aspettiamo o lo pretendiamo da un bambino e non siamo disposte ad affrontare le nostre di paure?

Un metodo per cercare di smorzare almeno in parte la paura dei ragni e di avvicinarsi all’argomento poco alla volta. Ad esempio leggendo informazioni sui ragni che puoi trovare nell’ambiente in cui vivi per renderti conto che non sono pericolosi.

Puoi guardare delle fotografie e poi acquistare qualche ragno di plastica, di quelli che si usano a Carnevale per fare gli scherzi. Prendine uno piccolo e guardalo, toccalo, lancialo contro un muro, tienilo in mano, ma anche fallo a pezzi se ti fa sentire meglio.

Poi comprane uno un po’ più grande e fai la stessa cosa.

Quando ti sentirai meglio con i ragni finti di plastica cerca dei ragnetti veri e rimani ad osservarli per qualche minuto da lontano. Poi cerca di andare sempre più vicino. L’idea non è di prenderli in mano e accarezzarli come fossero micini!

Non lo fa nessuno, nemmeno chi non ne ha paura perchè toccare i ragni, ammettiamolo pure, non è tra le dieci cose che qualcuno farebbe mai!

Un po’ alla volta però potresti riuscire a liberarti della paura, o almeno in parte. Questo non significa che finirai per amarli ed essere lieta che siano in casa tua!

Però potrai liberartene tranquillamente senza avere ripercussioni umorali e sensazioni spiacevoli quali paura e ansia.

E se affrontare anche solo la fotografia di un ragno vero ti infastidisce inizia dai ragni disegnati, come quello della fotografia, carino, non trovi?

E infine, se ti senti a disagio per la tua paura dei ragni, sappi che il 3-7% della popolazione soffre di aracnofobia grave. La metà delle donne della popolazione e il 18% degli uomini però prova sensazioni spiacevoli in presenza di un ragno.

Per qualsiasi info, curiosità, richiesta, scrivi in redazione ti risponderemo nel più breve tempo possibile. Puoi trovare Chiacchiere tra Donne su Facebook, Google+ (trovate tutti gli articoli sulla pagina della redazione dalla quale potrete seguire anche tutti gli altri blog), TwitterTumblr, InstagramPinterest.

Vuoi contribuire all’articolo? Lascia un commento.

 

About Marina

Scrittrice, giornalista e blogger si dedica alla scrittura di articoli, post, racconti e romanzi, ma organizza anche corsi per imparare a scrivere sul web. Nel blog personale articoli e post utili ai blogger e non solo.

Related Posts

Lascia un commento